Crampi e dolori addominali. Quanto sono frequenti e come stare meglio

Crampi e dolori addominali. Quanto sono frequenti e come stare meglio

Chi non ha mai sofferto del classico “mal di pancia”? Un disturbo comune a molti, ma sempre difficile da descrivere e di cui è spesso complicato trovarne le cause.

I crampi addominali sono spasmi involontari della muscolatura liscia del tratto digerente, localizzati tra il torace e l’inguine, che si manifestano con dolore, gonfiore e a volte con sudorazione, costipazione o diarrea. Possono essere passeggeri e risolversi in poche ore, ma a volte diventano ricorrenti e persistenti, rappresentando un vero e proprio disagio che può alterare la qualità di vita della persona.

Le cause di questi fastidiosi dolori possono essere molteplici: una cattiva digestione, accompagnata spesso da meteorismo, dieta disordinata, stitichezza, diarrea, infezioni gastrointestinali, ma anche intolleranze alimentari, fino ad arrivare a disturbi veri e propri come l’IBS (IRRITABLE BOWEL SYNDROME), meglio conosciuta come Sindrome del Colon Irritabile. Inoltre è importante ricordare che il nostro sistema gastroenterico è il solo dotato di tessuto neuronale autonomo, capace di elaborare sensazioni e fissare emozioni. Momenti di stress, ansia o tensione emotiva possono quindi avere ripercussioni su stomaco e intestino. Si pensa infatti che è proprio qui che risieda il nostro “secondo cervello”.

In caso di forte dolore possiamo subito intervenire sul sintomo con antispastici come BUSCOPAN, un farmaco contenente come principio attivo il N-butilbromuro di Joscina, derivato chimico dell’alcaloide Scopolamina, che agisce interrompendo il segnale che indica ai muscoli gastrointestinali di contrarsi per dare origine al crampo. Il muscolo quindi si rilassa, il dolore si calma ed il processo di digestione torna alla normalità.

 

Spesso però, alla base della maggior parte delle condizioni che portano allo sviluppo della contrazione addominale esiste una profonda alterazione della composizione della microflora batterica intestinale. Si parla in questo caso di Disbiosi Intestinale che, in fase acuta, si presenta con sintomi che possono essere molto invalidanti come crampi addominali acuti, alterazione della regolarità, diarrea o stipsi. Consigliamo quindi di assumere integratori di fermenti lattici vivi ad azione probiotica come LACTOFLORENE REPAIR BUSTE di Montefarmaco che grazie alla combinazione sinergica di due ceppi specifici di probiotici (Lactobacillus acidophilus e Bifidobacterium animalis lactis) permette la colonizzazione di tutto l’intestino ripristinando l’equilibrio della flora batterica intestinale compromessa da disbiosi acuta che, se non trattata, potrebbe cronicizzarsi.

 In alternativa consigliamo anche FERMENTI+ di Più Medical che contiene 8mld di probiotici suddivisi in tre importanti ceppi: Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium animalis lactis e Bacillus coagulans, quest’ultimo capace di esercitare un’azione antinfiammatoria a livello intestinale. Contiene inoltre Frutto-oligosaccaridi (FOS) ad azione prebiotica utile al buon sviluppo della microflora e Papaya fermentata ad azione immunostimolante e antifermentativa.

 

Prodotti più specifici sono da consigliare nei casi di Colite spastica o Colon irritabile, i cui sintomi sono dovuti soprattutto ad un’aumentata permeabilità della mucosa intestinale che espone gli strati sottostanti ad un contatto con le sostanze irritanti normalmente presenti nell’intestino provocando infiammazione. Il dispositivo medico COLILEN di Aboca nasce come utile trattamento di questo disturbo.

Grazie al suo complesso molecolare vegetale brevettato (ActiMucin) è in grado di formare un film protettivo sulla parete della mucosa intestinale proteggendola dal contatto con le sostanze irritanti e favorendo così la sua rigenerazione.

Nel momento in cui compare il dolore può essere utile fare una lunga camminata per sciogliere i muscoli e alleviare lo spasmo, respirare profondamente per ridurre la tensione che aggrava il dolore, ma anche fare un massaggio all’addome favorisce il flusso sanguigno e il miglioramento dei sintomi.

Per prevenire i disturbi e mantenere l’equilibrio intestinale consigliamo di:

  • mangiare lentamente consumando pasti leggeri e frequenti
  • seguire una dieta povera di zuccheri semplici e di grassi, ma ricca di fibre
  • preferire le cotture dei cibi a vapore, alla griglia o al forno
  • mantenere una buona idratazione
  • praticare regolare attività fisica
  • evitare situazioni stressanti ed ansiogene

 

I farmacisti della Parafarmacia Più Medical di Marghera

Dr.ssa Paola P., Dr.ssa Stefania V., Dr. Gianfranco I.



Più Medical Parafarmacia, un marchio registrato da G.S.M. Srl | Powered by Marketing Informatico